Proprio quando si pensava che la polvere sollevata dalla GDPR si fosse depositata, ecco che gli Stati Uniti si trascinano dietro un grosso paio di stivali o stivali Privacy Shield attraverso l'argomento, scatenando un'altra tempesta tra i fornitori.

I più recenti borbottii del Privacy Shield europeo riguardano lei e i suoi dati?

La sicurezza e la protezione dei dati sono una parte importante del nostro servizio; pertanto, è fondamentale mantenervi aggiornati su tutte le informazioni più recenti della normativa.

Sappiamo che molti di voi avranno ogni sorta di domande su come vengono gestiti i vostri dati personali e su quale sia la connessione necessaria per condividerli con gli Stati Uniti. ora significa per te.

Con European Email Verification Bouncer, siete in (dati) mani sicure

Ecco la buona notizia che non vedete l'ora di sentire. Se siete preoccupati che il vostro Buttafuori potrebbero essere interessati da questi ultimi regolamenti dell'UE: non ce n'è assolutamente bisogno.

Voi e i vostri dati siete nelle mani più sicure del settore. Per la maggior parte di voi, questo dovrebbe essere sufficiente a placare ogni preoccupazione. Per il resto, vi spiegheremo esattamente il perché, mentre approfondiremo il dibattito durante questo articolo.

L'unica cosa che dovete davvero sapere è che noi eseguiamo tutti i nostri verifica via e-mail in Europa, su server europei, con sistemi europei. Siamo UE in tutto e per tutto. Questo ci rende padroni della GDPR, senza un Privacy Shield o un ficcanaso del governo americano in vista.

Perché sei così al sicuro con Bouncer

Per evitare i recenti problemi di Privacy Shield, tutto ciò di cui avete bisogno da un servizio come il nostro è basato in Europa e-mail di convalida. E sì, avete indovinato, è esattamente quello che si ottiene da Bouncer.

Bouncer ha sempre fatto in modo di rispettare le rigide regole e le linee guida stabilite dall'UE. Siamo un'azienda europea che canta e balla, il che significa che i nostri server e sistemi sono esattamente dove devono essere per essere conformi al GDPR.

I nostri server e software non sono affatto vicini agli Stati Uniti, a differenza di alcuni degli altri popolari provider di controllo della posta elettronica e di consegna delle campagne. Ci sono circa 5.000 organizzazioni e aziende che utilizzano Privacy Shield. Se siete preoccupati per uno qualsiasi dei vostri altri fornitori, potreste voler controllare che nessuno di quelli che usate sia in quella lista.

Ciò che tutto questo significa per lei, però, caro cliente, è che non deve preoccuparsi minimamente di utilizzarci. Noi ci atteniamo a tutti Verifica via e-mail del GDPR standard. Se volete saperne di più sulle nostre politiche e pratiche di GDPR, siete i benvenuti.

 

Cos'è il Privacy Shield?

Ecco una breve lezione sulla recente storia della protezione dei dati nell'UE-USA.

Per condividere qualsiasi tipo di dati personali (da un indirizzo e-mail in su), ci devono essere delle regole per proteggere l'utente. Lo sapete perché GDPR e la protezione dei dati non hanno quasi mai lasciato le notizie o i nostri schermi negli ultimi 4 o 5 anni.

Già nel 2012 la Commissione Europea non era del tutto soddisfatta del modo in cui gli Stati Uniti gestiscono i dati personali provenienti dall'Europa, soprattutto a causa delle differenze nel modo in cui considerano la sicurezza.

A quel punto, la Corte di giustizia europea ha respinto il sistema Safe Harbour allora in vigore.

L'accordo europeo sullo scudo protettivo è stato introdotto nel 2016 per combattere questi risultati. 2 anni dopo, quando è stato introdotto il GDPR, la Commissione ha fatto un salto indietro nel Privacy Shield per controllare che tutti fossero sulla stessa pagina.

Luglio 2020 - Scudo della privacy è stato dichiarato non valido

Purtroppo non è stato così. Così, nel luglio del 2020, la Commissione Europea ha ritenuto illegale il trasferimento di dati tra l'UE e gli USA.

Perché? Perché c'era troppa preoccupazione per la sorveglianza degli Stati Uniti, soprattutto per quanto riguarda il modo in cui il governo può interferire con i dati del settore privato.

Cosa significa questo per i responsabili del trattamento dei dati nell'UE?

Se gestite i dati di qualcun altro o li utilizzate per fornire un servizio, non potete trasmetterli negli Stati Uniti a meno che non corrispondano alle misure della legislazione GDPR.

Il Privacy Shield non è conforme. Se i vostri fornitori o fornitori utilizzano il loro timbro di approvazione come agente di conformità, non è più sufficiente. È ora che facciate dei passi seri per spostare i vostri sistemi.

Ma, come abbiamo detto, niente di tutto questo vale per Bouncer. I vostri segreti sono tutti al sicuro con noi.
Ciò di cui avete bisogno è un sistema conforme alla validazione delle email GDPR - e con Bouncer questo è proprio quello che otterrete.

Cosa potete fare per garantire la sicurezza dei vostri dati?

Sarebbe molto difficile considerare che alcuni dei dati della vostra azienda non sempre finiscono negli Stati Uniti. In realtà, è quasi impossibile. Ecco come si fa a proteggerlo.

Fase 1: Sapere dove si trovano i vostri fornitori e i vostri data centre

Se si desidera conoscere l'infrastruttura di un fornitore, tutto dovrebbe essere descritto nel suo contratto di elaborazione dati. Se questo non è presente sul loro sito web, chiedete loro di inviarvene una copia.

Non fatevi ingannare da dove ha sede un'azienda. Un fornitore di software europeo potrebbe utilizzare un'infrastruttura americana, il che significa che non è all'altezza degli standard del GDPR.

Molti fornitori statunitensi offrono la possibilità di archiviare dati sia negli Stati Uniti che nell'Unione Europea, rivendicando così la conformità al GDPR. Non è così, gridano i nostri esperti. Se gli operatori negli Stati Uniti hanno accesso a quei server dell'UE, significa che i dati hanno ancora un percorso in entrata e in uscita dagli Stati Uniti.

Questo è un altro grande sciopero contro il rispetto della GDPR.

Fase 2: abbandonare i centri di archiviazione negli Stati Uniti e ricollocare i dati in Europa

Con questo problema che ha avuto un impatto enorme su così tante aziende, molte hanno cambiato il loro modo di praticare - o più precisamente, dove praticano.

Ci sono quelli che hanno cercato di stipulare accordi privati in materia di gestione dei dati. Tuttavia, i vostri clienti vorranno vedere un organismo che si occupi di questioni di cui hanno sentito parlare e di cui si fidano.

Se e quando dovesse sorgere un problema, sarebbe quasi impossibile trovare una protezione e una risoluzione in tribunale per qualcosa di diverso dalla conformità al GDPR.

Altri fornitori statunitensi hanno preso l'unica altra strada possibile e hanno creato società consorelle autonome in Europa. Questo funziona, ma solo se sono veramente autonomi e non c'è alcuna linea di comunicazione transatlantica o di trasferimento tra di loro.

Fase 3: Approfittare di un'alternativa UE

Se il servizio o il software che utilizzate è un servizio che potete sostituire facilmente - perché no? Ci sono un sacco di fantastiche operazioni UE e fornitori che forniscono gli standard di cui avete bisogno e possono anche farvi risparmiare denaro nel processo.

Dovrebbero certamente fornire la funzione di verifica della posta elettronica europea di cui stiamo discutendo.

Rest assured-Bouncer ha costruito le sue pratiche sul GDPR

La scelta di un provider europeo per la verifica delle e-mail è una scelta intelligente! Ma la scelta Il buttafuori è la migliore decisione che tu abbia mai preso! La sicurezza dei vostri dati è sempre stata la nostra priorità numero uno.

Assicurare che i nostri utenti dell'UE siano veramente sicuri è fondamentale per il nostro processo. Siamo orgogliosi del livello di servizio che offriamo in tutti i settori, non solo per quanto riguarda l'UE e il PILR.

Con ogni angolo e dettaglio meticolosamente curato, potete essere sicuri che siamo l'alternativa super-sicura a chiunque operi con strumenti che sono ancora iscritti a Privacy Shield.

LEGGI TUTTO
Cattive abitudini di email marketing