Suggerimenti importanti per l'invio di e-mail

4 aprile 2022
9

I sondaggi mostrano che le persone tendono ad aprire le loro caselle di posta elettronica più delle caselle di posta di qualsiasi altra piattaforma, ed è per questo che l'email è così efficace e produttiva quando si tratta di promuovere servizi, prodotti o marchi.

Per ottenere i migliori risultati da una strategia di email outreach, è importante considerare alcuni aspetti essenziali. Continuate a leggere per saperne di più sui principali consigli da tenere a mente quando si sta mettendo insieme una strategia di email outreach.

Cos'è l'email outreach?

L'email outreach si riferisce al processo di entrare in contatto con le persone utilizzando l'email. In termini di content marketing, questo è di solito fatto con l'obiettivo principale di promuovere un pezzo di contenuto, richiedere un backlink, o formare una collaborazione o una partnership con un influencer.

La maggior parte delle aziende hanno avuto alcune email di outreach scadenti - in effetti, potresti avere una casella di posta che ne è piena. E la ricezione di queste terribili email potrebbe averti fatto chiedere se l'email outreach è qualcosa che può effettivamente funzionare.

La buona notizia è che sì, è possibile, ma è necessario inviare il giusto tipo di email di sensibilizzazione. Queste sono email che non ti faranno sembrare uno spammer e forniranno effettivamente valore alle persone a cui le stai inviando, aiutandoti ad ottenere i risultati desiderati.

Le migliori sequenze di outreach

Quando invii email di outreach che i destinatari sono entusiasti di vedere, noterai alcuni dei principali benefici per il tuo business. L'email outreach ha un sacco di vantaggi diversi, se fatto correttamente. Questi includono:

  • È ancora uno dei modi più efficaci per costruire link, con la maggior parte dei metodi di link-building che richiedono l'invio di email di sensibilizzazione.
  • Può aiutarti a costruire relazioni con altre persone nel tuo settore, il che può portare a opportunità di guest posting, partnership, interviste e altro.
  • L'email outreach ai giornalisti che sono altamente mirati può portare ad un'ulteriore copertura stampa per la tua azienda.

Alcune delle principali best practice per l'email outreach includono:

Compilare una lista di obiettivi

Assicurarsi che le vostre email di outreach vadano alle persone giuste è uno degli aspetti più importanti dell'email outreach. Questo potrebbe sembrare buon senso, ma potreste rimanere scioccati nel sentire quante email vengono inviate alle persone sbagliate.

Per creare una lista di obiettivi di sensibilizzazione, fate come segue:

Fissare gli obiettivi - I diversi obiettivi di outreach avranno bisogno di obiettivi diversi. Per esempio, se vuoi la copertura della stampa, allora cerca i giornalisti che coprono un argomento rilevante.

D'altra parte, se stai facendo link building, allora cerca persone che si sono collegate a pagine simili prima. È necessario sapere esattamente cosa si vuole ottenere con l'outreach prima di iniziare a inviare e-mail.

Creare la lista - Fate un foglio di calcolo che includa i nomi degli obiettivi, il motivo per cui volete raggiungerli e gli URL delle pagine rilevanti.

Per esempio, prendete nota della pagina da cui volete che si colleghino a voi, o annotate un articolo pertinente e recente. Considerate l'aggiunta di una colonna di stato in modo da poter tenere traccia di chi avete contattato finora e se hanno risposto.

Trova gli indirizzi e-mail - Una volta che sai come vuoi puntare, è il momento di trovare gli indirizzi e-mail e aggiungerli al tuo foglio di calcolo.

Ove possibile, trova l'indirizzo email della persona piuttosto che l'indirizzo email generico dell'azienda. Per fare questo, è possibile utilizzare uno strumento di ricerca di email come Hunter.io.

Creare un modello - Usa un modello che puoi personalizzare. Puoi trovare modelli di email da usare offerti da molti strumenti di email outreach, o creare il tuo dopo aver guardato alcuni buoni modelli di email per l'ispirazione.

Vuoi che abbia un senso, ma è una buona idea evitare che la tua email sembri uguale a quella di tutti gli altri. Presta particolare attenzione alle linee dell'oggetto e considera la creazione di due versioni diverse in modo da poter condurre split test.

Personalizzazione

La personalizzazione è una parte cruciale dell'email outreach ed è il fattore singolo più grande che aiuta a distinguere i mittenti legittimi dagli spammer.

Le email personalizzate ti aiuteranno anche ad avere più successo con la tua campagna di outreach, dato che le statistiche mostrano che ottengono il 33% di risposte in più rispetto alle email generiche.

Ci sono diverse cose che puoi fare per personalizzare le email di outreach, tra cui:

Personalizzare l'oggetto della tua email
Usare il loro nome nella riga dell'oggetto dimostra immediatamente che sai chi sono e che hai qualcosa da offrire loro di valore.

Usa il loro nome nell'e-mail
"Caro signore" probabilmente non ti porterà molto lontano; usare il nome del destinatario nell'email rende molto più probabile che lo leggerà.

Riferimento a qualcosa di rilevante
I nomi non sono l'unico modo per personalizzare. Facendo riferimento a qualcosa di loro che hai visto sul loro sito o altrove, puoi dimostrare che sai a chi stai inviando l'email e cosa fanno.

Creare la giusta riga dell'oggetto dell'email di sensibilizzazione

Ci sono molte cose diverse a cui pensare quando si crea un oggetto per le vostre e-mail di sensibilizzazione. Tenete a mente che non importa a chi state inviando un'email di sensibilizzazione, l'oggetto sarà la prima cosa che vedranno, e sarà la differenza tra il fatto che l'email venga completamente ignorata o aperta e letta.

Insieme a questo, dovreste anche fare attenzione all'uso di parole di spam nella vostra linea dell'oggetto poiché queste possono essere raccolte dai filtri antispam e se ce ne sono troppe, la vostra email potrebbe essere inviata direttamente alla cartella spam dove probabilmente non sarà mai notata.

Per l'email outreach, a differenza dell'email marketing, una linea dell'oggetto più lunga potrebbe essere una scelta migliore. Questo perché dà al tuo destinatario una visione più chiara di ciò che la tua email è tutto e può aiutare a distinguerti dalle email di marketing nella loro casella di posta. Di conseguenza, questo può aumentare il tuo tasso di apertura.

Scegliere una linea dell'oggetto per un'email di Influencer Outreach

Quando si conduce l'influencer outreach, è importante far risaltare la vostra linea dell'oggetto. Questo perché gli influencer sono alcuni degli obiettivi principali della campagna di email outreach, e le email come la tua sono qualcosa che probabilmente vedranno molto nelle loro caselle di posta elettronica su base giornaliera.

Se volete collaborare con un influencer, è importante trovare un oggetto che si distingua. Questo potrebbe comportare spendere un po' di tempo per seguire e familiarizzare con l'influencer in modo che quando si tratta di inviare la tua email di sensibilizzazione, hai più informazioni che puoi utilizzare per aggiungere la personalizzazione sia all'oggetto che al corpo dell'email.

Si può anche considerare di includere qualcosa di valore per l'influencer nella riga dell'oggetto.

Il risultato principale è che meglio conosci i tuoi soggetti prima di inviare, più facile sarà per te essere notato nelle loro caselle di posta.

Usare uno strumento di sensibilizzazione via e-mail

L'utilizzo di uno strumento di email outreach può farvi risparmiare un sacco di tempo e aiutarvi a scalare indipendentemente dal vostro obiettivo. Ci sono diversi strumenti di email outreach tra cui scegliere, con alcuni che sono progettati con obiettivi specifici in mente. Questi includono:

  • PitchBox - Questo è uno strumento popolare tra la maggior parte dei professionisti di outreach e viene fornito con flussi di lavoro che sono progettati per guidarti attraverso l'impostazione e l'attuazione di campagne di outreach.
  • JustReachOut - Questo strumento è progettato per coloro che vogliono fare un pitch con i giornalisti, piuttosto che con gli influencer o i blogger.
  • BuzzStream - Questo è uno dei più vecchi e rispettabili strumenti di email outreach disponibili. È stato creato per i piccoli team o per i proprietari di attività solitarie che incorporano la sensibilizzazione a freddo nelle loro campagne SEO.
  • NinjaOutreach - Questo strumento è progettato specificamente per il link building e il SEO outreach.

Come migliorare le tue possibilità di risposta

È importante ricordare che le persone a cui stai inviando e-mail di sensibilizzazione sono probabilmente persone occupate. Questo è il motivo per cui è probabile che apprezzino e siano più propensi a rispondere a un'email che sia specifica e concisa. Alcune cose da tenere a mente sono:

Arrivare al punto

Non inviate un'email lunghissima con molti paragrafi; mantenetela breve, dolce e mirata in modo che possa essere facilmente scremata e che la persona con cui vi mettete in contatto non abbia bisogno di perdere molto tempo prima di prendere una decisione.

Metti le cose importanti in alto

L'approccio "piramide rovesciata" è una buona opzione, con gli elementi più importanti in cima al tuo messaggio, e tutto il resto breve e conciso dopo.

Includi i dettagli chiave

Mentre si vuole evitare di andare avanti, è importante non omettere dettagli chiave per raggiungere questo obiettivo. Un'email di una sola frase che chiede loro di mettersi in contatto con te senza una solida ragione può essere altrettanto fastidiosa.

Non seguire

Se non ricevi una risposta, prendila come una risposta. I giornalisti dicono che troppi follow-up sono una delle cose più fastidiose con cui hanno a che fare da chi invia e-mail.

L'email outreach può essere un modo ideale per costruire il tuo business, ma devi sapere come farlo correttamente.

Linea e punti
Linea e punti

Utilizziamo i cookie per la tua migliore esperienza di navigazione, l'analisi del traffico del sito e la gestione della pubblicità mirata. Utilizzando questo sito, acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Se non accetti la nostra politica, chiudi questa pagina

Politica sui cookie